scrivere un nuovo capitolo davanti a un crumble
ALTRE STORIE

Giorno uno di un nuovo capitolo della vita

perchè ora davvero ho un foglio bianco davanti a me

È terminato un capitolo della mia vita e ne è iniziato uno nuovo.

Le ultime settimane sono state caotiche, tra lavoro, organizzazione del trasloco e burocrazia tedesca. In più ci si è messa anche la mia sbadataggine a complicare le cose.

Qualche giorno fa mi sono accorta di avere il passaporto in scadenza e un viaggio prenotato. In queste occasioni sarebbe meglio non farsi prendere dal panico, cosa che io ovviamente non sono capace di fare. Tanta ansia, tanto nervosismo per poi scoprire che esiste il diritto d’urgenza e pagando qualcosina in più il passaporto viene emesso subito. In cinquanta minuti l’ambasciata ha emesso il mio nuovo passaporto, per intenderci.

Risolto un problema se ne presenta un altro, soprattutto se si lavora sette giorni su sette senza pausa avendo per la testa svariate cose. Ecco che la lavatrice decide di abbandonarmi e la lavanderia a gettoni è diventata la mia seconda casa.

L’ultimo giorno di lavoro ho terminato di lavorare tardi e ho finito di preparare gli scatoloni alle tre e mezza di notte. Alle otto del mattino, cioè meno di cinque ore dopo, il corriere era già davanti alla porta. Non so quante volte ho fatto su e già dalle scale e mi sono ripromessa che mai più voglio vivere al quarto piano senza ascensore (e senza balcone aggiungerei).

Partiti gli scatoloni mi sono sentita già più sollevata (i traslochi sono sempre stressanti ma quelli internazionali lo sono ancora di più) ma nel pomeriggio mi aspettava un altro appuntamento che è poi durato ore, molto più di quanto avessi preventivato ma almeno abbiamo messo fine al motivo che ci teneva legati a questa città.

Finalmente siamo arrivati a casa, ci siamo messi sul divano in modalità relax con birretta in mano pronti a programmare qualcosina di questo viaggio e mi cade l’occhio sulla sala vuota: “Ma i passaporti dove sono??”.

Ebbene sì, tutti i documenti sono partiti insieme al trasloco. Sono andata a letto la sera che quasi mi veniva da ridere per l’assurdità di tutto.

Un capitolo insomma che è iniziato all’insegna un po’ della confusione ma quando si pretende di fare troppe cose assieme dormendo poco, questi possono essere i risultati.

Oggi ho fatto una lunga camminata per distendere i nervi e mi sono detta che non vedo l’ora di lasciarmi tutto questo alle spalle.

Ora che è tutto risolto sono seduta alla scrivania, mi gusto lentamente un buon crumble e penso a questo nuovo capitolo tutto da scrivere. E chi lo sa come andrà, ma so che è la cosa giusta.

 

scrivere un nuovo capitolo davanti a un crumble

Lascia un commento

La tua mail non verrà pubblicata

Ti potrebbero interessare anche

Most Popular

error: Content is protected !!